• Italiano
  • English

Alaska

Alaska

 

Alaska selvaggia, grizzly experience 

 

Dal 14 Luglio al 23 Luglio 2018

10 Giorni/09 Notti

Partenza speciale : 14 Luglio 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un viaggio spettacolare dove la fauna e l’incantevole cornice paesaggistica fanno dell’Alaska un ambiente naturale, unico e selvaggio. Un itinerario che ci porta ad effettuare un emozionante safari fotografico all’interno del Katmai National Park, che si trova sulla costa nord-orientale della penisola dell’Alaska e vanta la più grande popolazione di orsi bruni protetti in tutto il mondo. Durante la risalita dei salmoni, da luglio fino ad agosto, le cascate sul Katmai Brooks River sono il ritrovo principale dei famosi orsi “grizzly” che regalano ai visitatori immagini uniche e indimenticabili. Per arrivare al Parco di Katmai voleremo prima da Anchorage su King Salmon e poi raggiungeremo con un idrovolante il Brooks Lodge, una semplice ma rinomata struttura immersa nella foresta. Rientrati ad Anchorage il viaggio prosegue per Valdez e navigheremo sulle acque del Prince William Sound dove lungo il percorso si avrà la possibilità di avvistare diversa fauna marina. In questo fiordo incontriamo il Columbia Glacier, uno dei più grandi e spettacolari ghiacciai marini di tutta l’Alaska. Proseguimento per Fairbanks lungo la Richardson Highway che si snoda tra magnifici scenari montuosi. Seguendo la nazionale numero tre arriviamo al celebre parco di Denali dominato dai 6194 del Mt. McKinley, visiteremo il Parco guidati dagli impeccabili ranger a bordo del loro shuttle bus alla ricerca di orsi, alci e caribù. Rientro ad Anchorage a bordo del treno panoramico Alaska Railroad costeggiando il fiume Susitna.

 

In sintesi:

Alaska – Alaska selvaggia, grizzly experience 

Dal 14 al 23 Luglio 2018

Kel12- Con esperto Kel12

Voli inclusi

 

Itinerario:

 

1° Giorno, Partenza dall’Italia e lungo volo verso l’Alaska

Partenza dall’Italia per il lungo volo verso l’Alaska. Arrivo ad Archorage, incontro con il nostro assistente e trasferimento privato in Hotel. Sistemazione, cena e pernottamento.
Trattamento: Cena.
Pernottamento (Hotel Captain Cook Anchorage )
Situato nel centro di Anchorage, questo hotel di lusso comprende 4 ristoranti, 15 negozi e ampie camere con TV via cavo a schermo piatto. Dispone inoltre di un Athletic Club, con servizio massaggi, piscina coperta e palestre separate per uomini e donne. Arredate con colori vivaci e moquette, tutte le sistemazioni del Captain Cook regalano magnifiche vedute dei monti Chugach e del Cook Inlet, e dispongono di internet Wi-Fi gratuito e frigorifero.

2° Giorno, Da Anchorage al Katmai alla ricerca dei Grizzly

Trasferimento in aeroporto e volo per King Salmon, cittadina – se così si può definire un agglomerato urbano che non raggiunge i 400 abitanti – raggiungibile soltanto per via aerea e che costituisce la porta d’accesso al Katmai National Park. Da qui raggiungeremo in idrovolante Brooks Falls; il resto della giornata è dedicato all’osservazione degli orsi*. I rangers del parco sono a disposizione per rispondere alle vostre domande o curiosità. Ogni anno migliaia di salmoni nuotano controcorrente per risalire il fiume e raggiungere il Lago Brooks, posizionato a monte rispetto alle cascate, alte poco meno di 2 metri. Le acque del fiume diventano quindi un richiamo irresistibile per i grizzly, che si affollano sulle sue sponde per cacciare: a volte capita persino che qualche orso si apposti a bocca aperta in cima alla cascata, in attesa dello spuntino. Sarà possibile osservare diversi esemplari da alcune passerelle rialzate che permettono di lasciare completamente indisturbati gli animali, offrendo un punto di vista privilegiato. In serata rientro ad Anchorage per il pernottamento.

*Nota Bene: La migliore osservazione dell’orso nel Katmai National Park è nei mesi di luglio e settembre, quando i salmoni sono numerosi. Naturalmente, le tempistiche esatte per la risalita del salmone variano da un anno all’altro, quindi anche l’avvistamento dei Grizzly è soggetto alla ricchezza di pesce nelle acque del Brooks. Quindi ricordiamo che l’avvistamento dell’orso anche se è altamente probabile non è mai garantito !

Trattamento: Prima colazione e cena.
Pernottamento (Hotel Captain Cook Anchorage )

3° Giorno, Da Anchorage seguendo la Richardson Highway verso Valdez

Partenza per Valdez percorrendo la Glenn e la Richardson Highway. Lungo il percorso si avrà la possibilità di ammirare lo spettacolare panorama delle catene montuose di Chugach e Wrangell, del ghiacciaio Worthington, il Thompson Pass e il Keystone Canyon. Arrivo a Valdez sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Trattamento: Prima colazione e cena.
Pernottamento (Best Western Valdez Harbor )
Il Best Western Valdez Harbor Inn vanta viste panoramiche sul porto. Le camere modernamente arredate sono provviste di TV via cavo a schermo piatto con lettore DVD, area salotto, forno a microonde e frigorifero e bagno privato. L’accesso WiFi è gratuito e disponibile. Inoltre dispone di un centro fitness, un bar, dei distributori automatici e un salone di bellezza.

4° Giorno, In catamarano lungo il fiordo si raggiunge l’imponente Columbia Glacier

Dopo la colazione trasferimento al porto e imbarco a bordo di un catamarano e inizio della navigazione sul fiordo fino a raggiunge l’imponente Columbia Glacier per un’osservazione molto ravvicinata del ghiacciaio. Durante l’escursione rimarrete sopresi dalla natura selvaggia e incontaminata. Verranno fatti approfondimenti interessanti riguardo al territorio con le sue miniere, la storia dei terremoti e del commercio petrolifero, prima fonte di reddito in Alaska. Rientro in hotel a Vladez, cena e pernottamento.
Trattamento: Pensione completa.
Pernottamento (Best Western Valdez Harbor )

5° Giorno, Verso Fairbanks tra cascate, laghetti e montagne e foreste di conifere

Un nuovo percorso via terra ci condurrà a Fairbanks. Sarà un trasferimento abbastanza lungo e che richiederà circa 8 ore di percorrenza, ma come ogni autostrada in Alaska, anche la Richardson Highway che seguiremo oggi costituirà un’autentica sorpresa in termini paesaggistici. È il viaggio stesso che diventa la destinazione, dove ogni km percorso corrisponderà a una cascata, o a uno specchio d’acqua che riflette le montagne circostanti, o a un’infinita distesa di conifere. Godetevi il viaggio! La città di Fairbanks fu fondata nel 1902 in seguito alla scoperta di un grosso giacimento d’oro e si estende su entrambe le sponde del fiume Chena. Le acque del fiume sono ricche di salmoni, quindi può capitare che qualche orso si avvicini per tentare la caccia. Navigazione sul fiume dal sapore di altri tempi, a bordo di uno dei battelli a ruota tradizionali che qui lavorano ancora a pieno ritmo. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Trattamento: Prima colazione e cena.
Pernottamento (Fairbanks Pike’s Waterfront Lodge /Fairbanks Pike’s Waterfront Lodge)

Affacciato sul fiume Chena il Pike’s Waterfront Lodge offre delle camere arredate in modo esclusivo e dispone di forno a microonde, frigoriferi, televisori a schermo piatto e set di cortesia Aveda. Il ristorante Pike’s Landing vi proporrà una cucina tipica dell’Alaska e il servizio all’aperto nei mesi estivi. Offre inoltre un centro fitness con sauna.

6° Giorno, Arrivo al Denali National Park

Prima della partenza visita di Faibanks con ingresso al Museum of the North, ospitato all’interno del Campus universitario, che raccoglie reperti legati alla storia dell’Alaska con sezioni dedicate alla preistoria, ai nativi, agli animali, all’epoca della febbre dell’oro e ai fenomeni naturali come l’aurora boreale. Durante la visita si potrà osservare anche l’Alaska Pipeline, il gasdotto più lungo del mondo, diventato una delle attrazioni più visitate. Proseguimento verso Sud verso il Denali National Park. Arrivo, sistemazione al lodge, cena e pernottamento.
Trattamento: Prima colazione e cena.
Pernottamento (Grande Denali Lodge )
Questo hotel si trova a 2,5 km dall’Alaska Travel Adventures e dal Parco Nazionale di Denali. Si tratta di un rustico rifugio che offre viste panoramiche sul Denali Canyon. Le sistemazioni di questo rifugio del Parco Nazionale di Denali presentano decorazioni in tonalità calde, arredi con mobili in legno scuro, scrivania e TV via cavo con canale Alaska. La Hall del Grande Denali Lodge dispone di un salottino con caratteristici ed accoglienti caminetti in pietra.

7° Giorno, Danali National Park territorio indigeno delle tribù di lingua athabaska oggi dichiarata riserva della biosfera

Il Parco di Denali è il principale parco nazionale dell’Alaska. Qui si trova il Mt Kinley, che dall’alto dei suoi 6194 costituisce la cima più alta degli Stati Uniti. Da poco anche la montagna ha riacquisito il suo antico nome indigeno “Denali”, cioè “la più alta”; ci troviamo infatti nel territorio indigeno delle tribù di lingua athabaska, che qui condussero uno stile di vita semi-nomade finché non arrivarono “i nuovi americani” che, accecati dalla febbre dell’oro, decisero di aprire qui le loro nuove miniere. Fortunatamente nel 1976 l’area venne dichiarata riserva della biosfera e da allora il Parco rappresenta l’attrazione principale di tutta l’Alaska. Il paesaggio che accoglie il visitatore oggi è di una bellezza selvaggia ed incontaminata, effettueremo escursioni a piedi oppure a bordo dello shuttle bus con i ranger del parco, che ci guideranno nella ricerca e nell’osservazione della flora e della fauna del posto che include, fra gli altri, orsi, alci e caribù. Rientro al lodge, cena e pernottamento.
Trattamento: Pensione completa.
Pernottamento (Grande Denali Lodge )

8° Giorno, Rientro ad Anchorage sul treno panoramico dell’Alaska Railroad

Mezza giornata ancora a disposizione per le ultime escursioni nel parco, nel pomeriggio trasferimento in stazione e imbarco sul famoso treno panoramico dell’Alaska Railroad in direzione Anchorage. La ferrovia, percorrendo una via altrimenti inaccessibile, ci trasporterà in ultimo spettacolare viaggio attraverso i paesaggi più belli e iconici dell’Alaska. Arrivo ad Anchorage, trasferimento in hotel, sistemazione cena e pernottamento.
Trattamento: Pensione completa.
Pernottamento (Hotel Captain Cook Anchorage )

9° Giorno, Partenza dall’Alaska per l’Italia

Trattamento: Prima colazione.
Tempo libero sino al trasferimento in aeroporto per la partenza verso l’Italia.

10° Giorno, Arrivo in Italia

Dopo un lungo volo, arrivo in Italia.

 

Prima della partenza

Bene a sapersi: 

Per questioni operative o di forza maggiore l’ordine delle visite potrebbe essere variato, mantenendo integro il viaggio.
Allo stesso modo gli hotel indicati in questo programma di viaggio potrebbero essere sostituiti con altri di pari categoria.
Gli hotel definitivi verranno confermati nel Foglio Notizie che riceverete con i documenti di viaggio.

Quota Individuale di partecipazione da Milano

Minimo 10 partecipanti € 8,800.00
Con Esperto Kel 12 e guida locale parlante inglese.
Massimo 14 partecipanti

Supplementi per persona

Supplemento singola – € 1,700.00
Tasse aeroportuali/fuel surcharge – € 380.00
Prezzo Bloccato – € 230.00
Prezzo Bloccato Singola-  € 280.00

Quota di gestione pratica € 80.00

Scheda Tecnica

A) Ogni nostro programma di viaggio riporta il tasso di cambio utilizzato per il calcolo delle quote e la percentuale pagata in valuta estera. Ogni programma di viaggio riporta altresì la validità dello stesso.

B) Le modalità e le condizioni di sostituzione del viaggiatore sono disciplinate dall’art. 39 del Codice del Turismo.

C) Richieste di variazioni alle pratiche o ai servizi già confermati potrebbero comportare costi aggiuntivi.

D) Al viaggiatore che receda dal contratto di viaggio prima della partenza, al di fuori delle ipotesi elencate al comma 1 dell’art. 10 delle condizioni generali di contratto di viaggio o nel caso previsto dall’art. 7 comma 2, indipendentemente dal pagamento dell’acconto di cui art. 7 comma 1, sarà addebitato l’importo della penale nella misura indicata qui di seguito:

– 10% fino a 45 giorni di calendario prima della partenza;

– 20% da 44 a 31 giorni di calendario prima della partenza;

– 30% da 30 a 18 giorni di calendario prima della partenza;

– 50% da 17 a 10 giorni di calendario prima della partenza;

– 75% da 9 giorni di calendario a 3 giorni lavorativi (escluso comunque il sabato) prima della partenza;

– 100% dopo tali termini.

Salvo diverse indicazioni presenti nel programma di viaggio.

Nessun rimborso sarà accordato a chi non si presenterà alla partenza o rinuncerà durante lo svolgimento del viaggio stesso. Rimarrà sempre a carico del viaggiatore il costo individuale di gestione pratica, il corrispettivo di coperture assicurative ed altri servizi eventualmente già resi. Il calcolo dei giorni per l’applicazione delle penali di annullamento inizia il giorno successivo alla data di comunicazione della cancellazione e non include il giorno della partenza. La copertura assicurativa è un prerequisito alla conclusione del contratto.

Assicurazione

Ciascun passeggero all’atto della prenotazione sarà tenuto ad effettuare il pagamento del premio assicurativo relativo al costo individuale del viaggio, cosi come determinato dalla tabella premi seguente:
Costo individuale del viaggio fino a – Premio individuale

€ 1.000,00 – € 31,00

€ 2.000,00 – € 63,00

€ 3.000,00 – € 94,00

€ 4.000,00 – € 125,00

€ 5.000,00 – € 156,00

Oltre € 5.000,00 sull’eccedenza – 3%

Le condizioni di polizza sono riportate sul catalogo Kel12 e riguardano sia l’assicurazione medico-bagaglio che l’assicurazione che copre dal rischio delle penali di annullamento. Il possesso dell’assicurazione è requisito indispensabile per l’effettuazione del viaggio. Questi prezzi sono ancorati al rapporto di cambio (1 euro = 1,15 USD) e possono essere soggetti ad adeguamento valutario (valgono le condizioni di vendita da catalogo). La percentuale delle quote pagate in valuta estera è del 100% del prezzo del viaggio.

LA QUOTA COMPRENDE

– Volo da Milano in classe economica
– 8 pernottamenti negli hotel menzionati nel programma (o similari)
– Facchinaggio bagaglio solo in hotel
– Trasporto privato durante il tour con un autista di lingua inglese (base 6/8 con sprinter van e le altre basi con bus 25 posti)
– Voli andata e ritorno Anchorage/King Salmon/Katmai
– Pacchetto di visite a Brook Falls per l’avvistamento orsi (come da programma)
– Crociera al Columbia Glacier a Valdez (su base collettiva)
– Visita della città di Fairbanks
– Ingresso al Museum of the North
– Kantishna Experience Tour (su base collettiva) – Denali
– Passaggio in treno panoramico da Denali ad Anchorage
– Pasti: tutte le prime colazioni, 2 pranzi, 6 cene
– Tour Leader Esperto Kel 12 dall’Italia al raggiungimento del numero minimo di partecipanti richiesto

LA QUOTA NON COMPRENDE

– Le tasse aeroportuali e supplementi carburante e sicurezza
– I pasti non indicati nel programma, le bevande, le mance
– Visti di ingresso (o procedure automatiche di registrazione per l’ingresso nel paese)
– Assicurazioni mediche integrative
– Tutto quanto non espressamente indicato nella voce “La quota comprende

Informazioni pratiche Stati Uniti d’America

FORMALITA’ – Norme relative all’ingresso negli Stati Uniti d’America e Canada –  I viaggiatori dei paesi aderenti al programma “viaggio senza visto” (Visa Waiver Program) dovranno pagare l’importo di $ 14 all’atto della richiesta dell’autorizzazione ESTA. Tale pagamento dovrà essere effettuato tramite carta di credito al momento della richiesta sul sito https://esta.cbp.dhs.gov
Regolamentazione passaporto per gli Usa: http://www.poliziadistato.it/articolo/1090/
A partire dal 1 aprile 2016, sarà possibile registrarsi all’ESTA solo ed esclusivamente con il passaporto elettronico con microchip inserito nella copertina, unico tipo di passaporto rilasciato in Italia a partire dal 26 ottobre 2006 . Questo tipo di passaporto è riconoscibile dal piccolo rettangolo con un cerchio nel centro (simbolo del passaporto elettronico) stampato nella parte bassa della copertina. Tutti i cittadini dei Paesi (compresa l’Italia), in regime di ingresso senza visto (Visa Waiver Programm) che negli ultimi 5 anni sono stati in IRAQ – IRAN – SUDAN – SIRIA – SOMALIA – YEMEN – LIBIA avranno bisogno di un visto d’ingresso da richiedere al consolato USA, per cui non sarà più sufficiente fare solo l’ESTA. Anche se hanno un ESTA già in essere e ancora valido devono necessariamente richiedere il visto.
Questo vale sia che il viaggio nei Paesi citati sopracitati sia avvenuto per turismo o per lavoro.
Ti informiamo che, per motivi di sicurezza, Il Canada ha introdotto un nuovo requisito di ingresso, noto col nome di ETA (Electronic Travel Authorization), per i cittadini stranieri esenti da visto diretti in Canada per via aerea. Dal 15 marzo 2016 il conseguimento dell’ETA, che può essere richiesto comodamente online, sarà obbligatorio per potersi imbarcare sui voli con destinazione Canada. Non è richiesta l’autorizzazione ETA per i cittadini USA e per i viaggiatori in possesso di regolare visto.

E’ necessario il passaporto valido almeno sei mesi dalla data di arrivo a destinazione.
– Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
A partire dal 12 gennaio 2009 è obbligatorio ottenere un’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization) per potersi recare negli Stati Uniti nell’ambito del programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program). L’autorizzazione va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti. I cittadini di paesi aventi diritto a partecipare al programma “Viaggio senza Visto” possono già da tempo richiedere tale autorizzazione anticipata accedendo tramite Internet al Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA) (Electronic System for Travel Authorization).
– Viaggi all’estero di minori: si fa presente che la normativa sui viaggi all’estero dei minori varia anche in funzione delle disposizioni nazionali dei singoli Paesi. Si fa peraltro presente che dal 26 giugno 2012 sarà obbligatorio per tutti i minori che viaggiano possedere un passaporto individuale. Entro tale data, pertanto, tutti i genitori con minori iscritti sul proprio passaporto dovranno dotare i propri figli di un idoneo documento di viaggio individuale. Si consiglia al riguardo di assumere informazioni aggiornate presso la propria Questura, nonché presso le Ambasciate o i Consolati del Paese accreditati in Italia e/o il proprio agente di viaggio. Anche i minori possono beneficiare del “Visa Waiver Program” (Programma di viaggio in esenzione di Visto), solo se in possesso di passaporto individuale, non essendo sufficiente né la loro iscrizione sul passaporto dei genitori, né il lasciapassare.
– In caso di incertezza, si consiglia vivamente di farsi rilasciare – anche per viaggi di turismo o affari per periodi inferiori a tre mesi – un normale visto d’ingresso dai Consolati degli Stati Uniti, in quanto la relativa procedura comporta un controllo preventivo e, in caso di concessione, facilita l’ingresso in frontiera. 
– Visto d’ingresso: per entrare negli Stati Uniti d’America in esenzione di visto “Visa Waiver Program” – Programma di viaggio in esenzione di Visto”, occorre essere in possesso di uno dei seguenti documenti:
• passaporto elettronico, rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006;
• passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005;
• passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006.
Per usufruire del programma “Visa Waiver Program” (Programma di Viaggio in esenzione di Visto) è necessario:
• viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
• rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
• possedere un biglietto di ritorno.

In mancanza anche di uno dei suddetti requisiti, è necessario richiedere il visto. Si ricorda che il passaporto deve essere in corso di validità e che la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia. Tutti i cittadini italiani che entrano nel Paese, in esenzione di visto “Visa Waiver Program” o con visto USA di una delle seguenti categorie:
– B1/B2 affari o turismo per periodi di permanenza superiori ai 90 giorni o per sanare precedenti situazioni irregolari;
– F/M/J/Q -studenti, studiosi, ricercatori, scienziati, anche in ambito di scambi culturali;
– H/L/O/P- lavoratori temporanei;
– C1- in transito verso paesi terzi;
– C1/D -equipaggi d’aerei o navi;

– R- (religiosi);
– I – (giornalisti);
– E – (operatori economici e commerciali)

sono soggetti nell’ambito del programma “US-VISIT” all’acquisizione delle impronte digitali (indice sinistro e destro) e della fotografia digitale all’arrivo alle frontiere americane (aeroporti e porti e in futuro anche alle frontiere terrestri). Nei maggiori scali aeroportuali degli Stati Uniti sono stati introdotti per il controllo passeggeri veri e propri “body scanners”, sistemi accurati di controllo elettronico a bassa emissione di raggi X. I passeggeri che non intendano sottoporsi a tale tipo di controllo possono chiedere di essere sottoposti a quello “pat down” ( cioè perquisizione fisica manuale). Si consiglia inoltre di verificare attentamente la lista degli articoli ammessi o vietati a bordo consultando la compagnia aerea utilizzata. In base a recenti disposizioni, le Autorità di frontiera, al momento dell’ingresso del visitatore, hanno la discrezionalità di limitare sul modulo I-94W il periodo di permanenza in USA di titolari di visti B1-B2 multipli di lunga durata. Coloro che si trattengono al di là della data indicata sul modulo saranno segnalati e futuri ingressi in USA potranno essere negati per un periodo variabile dai 3 ai 10 anni. Al momento di partire dagli USA, accertarsi che la compagnia aerea (o l’Autorità di frontiera, in caso d’uscita via terra o marittima) ritiri il modulo I-94W attestante l’ingresso negli Stati Uniti (il mancato ritiro può far risultare negli archivi informatici dell’Autorità di frontiera una situazione illegale, pur essendo regolarmente usciti dal Paese). Le Autorità americane hanno comunicato l’abolizione dell’obbligo di compilare il modulo “I-94W” da parte dei cittadini che viaggiano in regime di VWP con l’approvazione ESTA. Il programma “US-VISIT” prevede la registrazione automatica delle uscite, grazie alla verifica delle impronte digitali e della fotografia acquisite all’entrata, attraverso speciali “unità di lettura” (KIOSK) già installate in via sperimentale ai posti di controllo in uscita degli aeroporti di Baltimora e Chicago. Si ricorda infine l’obbligo, per i possessori di “carta verde”, di risiedere negli Stati Uniti per almeno 6 mesi nel corso dell’anno, e di segnalare alle Autorità d’immigrazione le eventuali variazioni di residenza durante la permanenza nel Paese. Si sono già verificati problemi, a questo riguardo, per l’ingresso negli Stati Uniti di possessori di “carta verde” che risiedono stabilmente all’estero e non rispondono quindi ai requisiti citati.

La U.S. Customs and Border Protection (CBP) informa che – a partire dall’8 settembre 2010 – i viaggiatori dei Paesi aderenti al Visa Waiver Program (WVP) dovranno pagare l’importo di $ 14 all’atto della richiesta dell’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). Tale pagamento dovrà essere effettuato tramite carta di credito al momento della richiesta sul sito https://esta.cbp.dhs.gov. Attualmente, il sistema ESTA accetta soltanto le seguenti carte di credito: Mastercard, Visa, American Express e Discover. Il sistema potrà finalizzare le richieste solo quando tutte le informazioni relative al pagamento on-line saranno state ricevute. Si ricorda che ESTA è un’autorizzazione elettronica che i cittadini dei Paesi aderenti al Visa Waiver Program devono ottenere prima di imbarcarsi su un vettore aereo o marittimo diretto negli Stati Uniti. L’autorizzazione ESTA è obbligatoria dal 12 gennaio 2009 ed ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto. Si precisa che le autorizzazioni ESTA approvate prima dell’8 settembre 2010 rimarranno valide fino alla data della loro scadenza e che la loro modifica rimane gratuita. Al contrario, al rinnovo del passaporto, i viaggiatori dovranno effettuare una nuova registrazione ESTA soggetta al pagamento di $ 14. Si consiglia in ogni caso di consultare direttamente il sito Internet del Dipartimento di Stato USA: www.cbp.gov/travel
Le risposte che verranno fornite dal sistema “ESTA” potranno essere di tre tipi:
1) “Authorisation Approved”, nel caso di concessione dell’autorizzazione. L’autorizzazione sarà valida per due anni o fino a quando il passaporto del viaggiatore non scade e consentirà la possibilità di effettuare più viaggi negli Stati Uniti senza che per ognuno di essi sia necessaria una nuova registrazione on-line ed una conseguente nuova autorizzazione;
2) “Travel not Authorized”, nel caso di diniego dell’autorizzazione. In tal caso occorrerà rivolgersi al Consolato americano per richiedere un visto per gli Stati Uniti;
3) “Authorization Pending”, nel caso in cui siano necessarie ulteriori informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione. Un’autorizzazione “ESTA” (come già avviene attualmente in base al “Visa Waiver Program”) non garantirà un’automatica ammissione in territorio americano che sarà lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera. Al fine di facilitare il processo di valutazione dei dati forniti con la registrazione, si consiglia di compilare il modulo ESTA non meno di 72 ore prima della partenza.
Per maggiori informazioni riguardo il programma “ESTA” si consiglia di consultare direttamente il sito internet: www.cbp.gov./travel.
A complemento del programma di Sicurezza ESTA, un’ulteriore procedura e’ entrata in vigore dal 6 settembre 2010 denominata ” Secure Flight Program”. Tale programma, sviluppato dall’Autorità statunitense TSA (Transportation Security Administration), si applica a tutti i passeggeri che viaggiano da/per e all’interno degli Stati Uniti. Il Secure Flight Program richiede che una serie di informazioni (cognome e nome, data di nascita, genere maschile o femminile) siano fornite per tutti i passeggeri che prenotano e acquistano biglietti per viaggi da/per o all’interno degli USA. Informazioni complete e dettagliate su quanto è richiesto al passeggero sono reperibili consultando il sito: www.tsa.gov, o attraverso la compagnia aerea utilizzata o il proprio agente di viaggio. In presenza di problematiche amministrative derivanti da precedenti soggiorni negli Stati Uniti (es. multe per eccesso di velocità, superamento del periodo di permanenza concesso in precedenti viaggi, ecc.) gli stranieri in arrivo negli aeroporti USA possono essere respinti, con disagi per il viaggiatore che dovrà rientrare nel proprio Paese a proprie spese. Al fine di evitare tali situazioni, si raccomanda ai connazionali che ritengano di poter avere problemi di accesso negli Stati Uniti per i motivi di cui sopra, di chiedere preventivamente il visto d’ingresso agli Uffici Consolari USA presenti in Italia. Per informazioni relative al visto di ingresso, consultare la scheda alla voce “Visto d’ingresso” o direttamente il sito Internet del Dipartimento di Stato USA: www.cbp.gov/travel
Formalità valutarie e doganali: è opportuno dichiarare somme superiori a 2.500 Euro al fine di evitare contestazioni alla partenza.

Informazioni generali

NORME E SUGGERIMENTI RELATIVI AL VOLO

Biglietto aereo

Desideriamo portare alla vostra attenzione, che dal 1 giugno 2008, in conformità con le disposizioni IATA (International Air Transport Association: associazione internazionale che rappresenta 240 compagnie aeree e il 94% del traffico aereo internazionale di linea), non si potranno più emettere biglietti aerei cartacei. Questi documenti di viaggio sono stati sostituiti dai biglietti elettronici, gli e-tkt, che garantiscono il metodo più efficiente di emissione e gestione del trasporto aereo, migliorando inoltre il servizio per i viaggiatori. Cos’è un biglietto elettronico? Un biglietto elettronico (e-ticket o ET) contiene in formato elettronico tutte le informazioni che prima venivano stampate sul biglietto cartaceo. L’unico foglio di cui si ha bisogno è “l’itinerary receipt” (in formato A4) che vi verrà consegnato assieme ai documenti di viaggio e che rappresenta la ricevuta del passeggero e la conferma dell’avvenuta emissione del biglietto aereo. Riporta tutti gli estremi dettagliati dei voli prenotati per vostro conto, il codice di conferma del vettore aereo, il numero di biglietto elettronico emesso e i vostri nominativi come dapassaporto. Questo documento dovrà essere custodito con cura e presentato direttamente al banco di accettazione del volo. E’ importantissimo che al momento della prenotazione comunichiate il vostro nome esatto come da passaporto (anche secondo nome o cognome se li avete). 

Articoli consentiti in cabina (bagaglio a mano):

– un bagaglio a mano la cui somma delle dimensioni (lunghezza + altezza + profondità) non superi complessivamente i 115 cm (come previsto dal DM 001/36 del 28 gennaio 1987)

– una borsetta o borsa porta-documenti o personal computer portatile

– un apparecchio fotografico, videocamera o lettore di CD

– un soprabito o impermeabile

– un ombrello o bastone da passeggio

– un paio di stampelle o altro mezzo per deambulare

– articoli da lettura per il viaggio

– culla portatile/passeggino e latte/cibo per bambini, necessario per il viaggio

– articoli acquistati presso i “duty free” ed esercizi commerciali all’interno dell’aeroporto e sugli aeromobili

– medicinali liquidi/solidi indispensabili per scopi medico-terapeutici e dietetici strettamente personali e necessari per la durata del viaggio. Per quanto riguarda i predetti medicinali liquidi è necessaria apposita prescrizione medica

– liquidi, contenuti in recipienti individuali di capacità non superiore a 100 millilitri o equivalente (es. 100 grammi), da trasportare in una busta/sacchetto/borsa di plastica trasparente, richiudibile, completamente chiusa, di capacità non eccedente 1 litro (ovvero di dimensioni pari, ad esempio, a circa cm 18 x 20) separatamente dall’altro bagaglio a mano.

Nota: i liquidi in questione comprendono acqua e altre bevande, minestre, sciroppi, creme, lozioni e oli, profumi, spray, gel, inclusi quelli per i capelli e per la doccia contenuto di recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba, deodoranti, sostanze in pasta, incluso dentifricio, miscele di liquidi e solidi, mascara, ogni altro prodotto di analoga consistenza. Per busta di plastica/sacchetto trasparente richiudibile deve intendersi un contenitore che consente di vedere facilmente il contenuto, senza che sia necessario aprirlo e che sia dotato di un sistema integralmente sigillante, come zip oppure chiusure a pressione o comunque una chiusura che dopo essere stata aperta possa essere richiusa.

E’ raccomandabile includere nel bagaglio a mano l’occorrente per la notte e un golf, utili in caso di ritardata consegna del bagaglio all’arrivo. Attenzione invece a non includere coltellino multiuso, forbicine, tagliaunghie, ecc.

Bagaglio da spedire a seguito del passeggero

Si consiglia l’uso di lucchetto e di mettere un’etichetta con proprio nome e recapito anche all’interno del bagaglio. Preghiamo leggere le informazioni date in ogni itinerario poiché le disposizioni spesso sono diverse e limitano ulteriormente il peso per motivi di sicurezza; se si superano i limiti imposti, questo può comportare un costo elevato.

Articoli vietati nel bagaglio

E’ vietato il trasporto nella stiva dei seguenti articoli:

– esplosivi, fra cui detonatori, micce, granate, mine ed esplosivi

– gas compressi (infiammabili, non infiammabili, refrigeranti, irritanti e velenosi) come i gas da campeggio, bombolette spray per difesa personale, pistole lanciarazzi e pistole per starter

– sostanze infiammabili (liquide e solide) compreso alcool superiore a 70 gradi; sostanze infettive e velenose

– sostanze corrosive, radioattive, ossidanti o magnetizzanti

– congegni di allarme

– torcia subacquea con batterie inserite

Modalità di reclamo:

In caso di MANCATA RICONSEGNA/DANNEGGIAMENTO del bagaglio registrato (il bagaglio consegnato al momento dell’accettazione e per il quale viene emesso il “Talloncino di Identificazione Bagaglio”) all’arrivo a destinazione si deve APRIRE UN RAPPORTO DI SMARRIMENTO O DI DANNEGGIAMENTO BAGAGLIO facendo contestare l’evento, prima di lasciare l’area riconsegna bagagli, presso gli Uffici Lost and Found dell’aeroporto di arrivo, compilando gli appositi moduli, comunemente denominati P.I.R – Property Irregularity Report.

SMARRIMENTO DEL BAGAGLIO – Se entro 21 giorni dall’apertura del “Rapporto di smarrimento bagaglio” non fossero state ricevute notizie sul ritrovamento, inviare tutta la documentazione di seguito specificata all’Ufficio Relazioni Clientela e/o Assistenza Bagagli della compagnia aerea con la quale si è viaggiato per l’avvio della pratica di risarcimento.

RITROVAMENTO DEL BAGAGLIO SMARRITO – In caso di ritrovamento del bagaglio, entro 21 giorni dalla data di effettiva avvenuta riconsegna, inviare tutta la documentazione di seguito specificata all’Ufficio Relazioni Clientela e/o Assistenza Bagagli della compagnia aerea con la quale si è viaggiato per l’avvio della pratica di risarcimento delle spese sostenute.

Documentazione necessaria per entrambi i casi:

– il codice di prenotazione del volo in caso di acquisto via internet oppure l’originale della ricevuta in caso di biglietto cartaceo;

– l’originale del P.I.R rilasciato in aeroporto;

– l’originale del talloncino di identificazione del bagaglio e la prova dell’eventuale avvenuto pagamento dell’eccedenza del bagaglio;

– un elenco del contenuto del bagaglio nel caso di bagaglio smarrito;

– un elenco dell’eventuale contenuto mancante nel caso di bagaglio ritrovato;

– gli originali degli scontrini e/o ricevute fiscali nei quali sia riportata la tipologia della merce acquistata (in relazione alla durata dell’attesa) in sostituzione dei propri effetti personali contenuti nel bagaglio;

– indicazione delle coordinate bancarie complete: nome e indirizzo della Banca, codici IBAN, ABI, CAB, numero di C/C, codice SWIFT nel caso di conto estero e nome del titolare del conto corrente; se i suddetti dati non si riferiscono all’intestatario della pratica, specificare anche l’indirizzo di residenza, numero di telefono, numero di fax (se disponibile), l’indirizzo e-mail (se disponibile).

Importante – “Partenze da altre città”

La normativa aerea è estremamente complessa e articolata. Riteniamo quindi doveroso darvi alcune indicazioni, confermandovi che, comunque, tutto lo staff addetto alle prenotazioni resta a disposizione per informazioni, consigli, chiarimenti. Le partenze da “altre città” diverse da quelle pubblicate in catalogo, sono quasi sempre possibili ma, soprattutto se non sono operate dallo stesso vettore della tratta internazionale, seguono disposizioni particolari che è giusto conoscere, anche perché eventuali ritardi/cancellazioni o altro non comportano responsabilità né dei vettori né della Kel12. Eseguiremo tutte le pratiche necessarie per farvi partire nel modo più comodo e dalla città che preferite, ma con le opportune avvertenze e informandovi che, se non esiste un accordo tra la compagnia che opera il volo internazionale e quelle che effettuano la prima tratta, devono essere emessi due biglietti differenti e questo comporta a volte la necessità di un doppio imbarco dei bagagli. Informandovi inoltre che la perdita del volo internazionale non comporta riprotezione, rimborsi o assunzione delle eventuali spese di hotel da parte della compagnia aerea e di Kel 12. In base al Contratto di Trasporto, i vettori faranno il possibile per trasportare i passeggeri e i bagagli con ragionevole speditezza. I vettori possono sostituire senza preavviso altri vettori e l’aeromobile, e possono modificare e omettere, in caso di necessità, le località di fermata indicate sul biglietto. Gli orari possono essere variati e non costituiscono elemento essenziale del contratto. I vettori non assumono responsabilità per le coincidenze.

INFORMAZIONI RELATIVE AL VIAGGIO

Documenti per l’espatrio

Ricordiamo che, considerata la variabilità della normativa in materia, le informazioni relative ai documenti di espatrio sono da considerarsi indicative e riguardano esclusivamente cittadini italiani e maggiorenni. Ogni partecipante è tenuto a controllare personalmente la validità del proprio passaporto (che normalmente non deve scadere entro sei mesi dalla data di ingresso nel paese), la presenza di diverse pagine libere (il numero varia a seconda dell’itinerario scelto e dunque visti necessari). Si consiglia di avere sempre con sé una copia conforme all’originale del passaporto e di eventuali vaccinazioni internazionali, e di tenerle separate dai documenti originali. L’impossibilità per il cliente di iniziare e/o proseguire il viaggio a causa della mancanza e/o dell’irregolarità dei prescritti documenti personali (passaporto, carta d’identità, vaccinazioni, etc.) non comporta responsabilità dell’organizzatore.

MARCA DA BOLLO ABOLITA DAL 24/6/2014

Dal 24 giugno 2014 è abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tutti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all’interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli extra UE, senza che sia più necessario pagare la tassa annuale da € 40,29. Segnaliamo a chi viaggia con minori che posso esserci particolari limitazioni per ciascun paese riguardanti la necessità di avere copia CERTIFICATO di NASCITA, o altri documenti vi preghiamo di verificarlo con largo anticipo prima della partenza

Norme valutarie in Italia

Ai sensi del Reg. CE 1889/2005 del 26.10.2005 (aggiornamento del 15.06.2007) ogni persona fisica in entrata o in uscita dall’Unione Europea ha l’obbligo di dichiarazione in DOGANA delle somme di denaro contante e strumenti negoziabili al portatore trasportati d’importo pari o superiore a 10.000 euro.

Assicurazioni

Per quanto riguarda le disposizioni assicurative vi invitiamo a leggere con attenzione la relativa polizza. In caso di sinistro, malattia o infortunio durante il viaggio, Vi preghiamo di provvedere immediatamente a informare l’assicurazione comunicando il numero indicato nella polizza ricevuta con i documenti di viaggio.

Imprevisti

Gli itinerari pubblicati sono stati elaborati in modo da essere realizzati con puntualità e precisione. Particolari situazioni possono tuttavia determinare variazioni nello svolgimento dei servizi previsti: voli, orari, itinerari aerei e alberghi possono essere modificati a discrezione dei vari fornitori e sostituiti con servizi di pari livello. Il verificarsi di cause di forza maggiore quali scioperi, avverse condizioni atmosferiche, calamità naturali, disordini civili e militari, sommosse, atti di terrorismo e banditismo e altri fatti simili non sono imputabili all’organizzazione. Eventuali spese supplementari sostenute dal partecipante non potranno pertanto essere rimborsate, e non lo saranno le prestazioni che per tali cause dovessero venir meno e non fossero recuperabili. Inoltre l’organizzazione non è responsabile del mancato utilizzo di servizi dovuto a ritardi o cancellazioni dei vettori aerei.

Disservizi

Come indicato nelle Condizioni di Partecipazione, eventuali contestazioni in merito a difformità di prestazioni rispetto a quanto contrattualmente previsto, rilevate in corso di viaggio, dovranno essere riferite quando e se possibile al nostro rappresentante sul luogo. E’ comunque necessaria la notifica scritta a Kel 12 entro 10 giorni dalla data di rientro in Italia. Le eventuali richieste di rimborso relative a servizi non usufruiti saranno documentate da una dichiarazione che richiederete al rappresentate locale, e che attesterà il mancato godimento dei servizi stessi.

Convenzione CITES

Il 1° giugno 1997 è entrato in vigore il Regolamento Comunitario che dà attuazione alla Convenzione CITES di Washington a proposito d’importazione di animali e parti di animali protetti perché a rischio di estinzione. Sono previste multe fino a 130.000 euro per chi porta in Italia souvenir realizzati con animali protetti, animali vivi, anche se acquistati legalmente nel paese di origine.

Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 17 della Legge n. 38/2006:

“La legge italiana punisce con la pena della reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero”.

 

 

 

Richiedi Informazioni

Per maggiori informazioni su questo pacchetto o per qualsiasi tipo di soluzione personalizzata,
non esitare a contattarci e ti risponderemo subito.

Tel: 0422 541493 Mail: info@fuoriclasseviaggi.it

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Contatti