• Italiano
  • English

Etiopia – Dancalia

Etiopia Dancalia

 

La luna sulla terra in occasione del Timkat

 

Dal 16 Gennaio al 27 Gennaio 2018

12 Giorni/11 Notti

Partenza speciale : 16 Gennaio 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un itinerario per veri viaggiatori, che non considerano il comfort quale elemento essenziale. Il contatto con gli ambienti della Dancalia, dove la natura si sbizzarrisce, le genti Afar: la scoperta di un’Etiopia diversa, che richiede come contropartita la rinuncia alle abituali comodità e un buono spirito di adattamento. Il programma include la partecipazione alla festa del Timkat. 

Il Timkat, l’Epifania copta, è una delle feste più importanti previste nel calendario della chiesa ortodossa etiope. La sua celebrazione è uno dei momenti più suggestivi di un viaggio in Etiopia e rappresenta, allo stesso tempo, uno dei riti più sfarzosi ed ancora autenticamente sentiti.

Ricorda il battesimo di Gesù nelle acque del fiume di Giordano ed in questa ricorrenza ogni fedele rinsalda il legame con il proprio battesimo. Dai Sancta Sanctorum delle chiese escono in processione le Tabot, copie delle Tavole sacre con i dieci comandamenti, i cui originali si troverebbero nell’Arca dell’Alleanza ad Axum.

Alla processione che si snoda sino al luogo dove si celebra la cerimonia del battesimo partecipano i sacerdoti con preziosi paramenti sacri, i diaconi, i pellegrini con i shamma di cotone bianco: la giornata santa è colma di processioni, litanie, musiche,danze ritmate da tamburi, corni e sistri, prediche e preghiere.

Viaggio con l’esperto Luca Lupi è considerato il massimo esperto della regione africana della Dancalia. Laureato in Scienze Geologiche con indirizzo vulcanologico, ha partecipato alle spedizioni sui vulcani italiani dall’89 al ’94 organizzate dal Professor Franco Barberi, noto vulcanologo di fama internazionale.

Ha fondato la Vulcano Esplorazioni, organizzato numerose spedizioni scientifiche e naturalistiche sui vulcani italiani, greci e nelle aree vulcaniche di Islanda, Africa Orientale, Centro e Sud America. L’imponente ricerca effettuata “sul campo” in Dancalia si è tradotta in documentari, conferenze, pubblicazioni scientifiche e divulgative, guide di viaggio, carte dell’area ed un grande archivio fotografico.

Nel 2012 la Società Geografica Italiana  gli ha conferito la medaglia d’argento per gli studi su questa regione dell’Etiopia che hanno portato alla realizzazione dei grandi volumi “Afar. L’esplorazione della Dancalia, un’avventura italiana”.
Luca Lupi ha scandagliato i segreti della Dancalia, che condivide con i viaggiatori del Tucano interessati a scoprire questa terra così affascinante.

 

In sintesi:

Etiopia – La luna sulla terra in occasione del Timkat

Dal 16 al 27 Gennaio 2018

Il Tucano Viaggi – Guida accompagnatore l’esperto Luca Lupi

Voli inclusi

 

Itinerario:

 

1° Giorno, ITALIA – ADDIS ABEBA

Partenza in serata con il volo per Addis Abeba, dove l’arrivo è previsto il giorno successivo.

2° Giorno, ADDIS ABEBA – AXUM

Arrivo nella capitale etiope al mattino presto. La mattina dedicata alla visita dei luoghi e monumenti più significativi della capitale e del Museo Nazionale, interessante sia per i reperti sabei, che testimoniano lo scambio culturale tra l’altopiano etiopico, la costa eritrea e la Penisola Arabica, sia per i suggestivi abiti indossati un tempo dalle alte cariche dell’Impero, ma soprattutto per Lucy, il piccolo scheletro ritrovato negli anni ‘70 nella valle dell’Awash e appartenente ad un ominide, l’Australopithecus Afarensis, vissuto tre milioni e mezzo circa di anni fa. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza con il volo per Axum. Arrivo e sistemazione in lodge. Cena e pernottamento.

3° Giorno, AXUM: LA CELEBRAZIONE DEL TIMKAT

In mattinata breve visita dei luoghi e monumenti più significativi della capitale. Quindi trasferimento in aeroporto e partenza con il volo per Axum. Arrivo e sistemazione in hotel. Nel tardo pomeriggio assisteremo all’apertura delle celebrazioni del Timkat, che ad Axum assume una particolare importanza. Visita della Chiesa di Emda Mariam Sion che custodisce, secondo la credenza dei fedeli, l’Arca dell’Alleanza trafugata a Gerusalemme da Menelik I al tempo del Re Salomone. E proprio qui, dal Sancta Sanctorum della chiesa di Emda Mariam Sion, esce in processione la copia dell’Arca dell’Alleanza ricoperta di tessuti damascati. Una processione accompagna il viaggio rituale dell’Arca, ad essa partecipano i sacerdoti con preziosi paramenti sacri, i diaconi, i pellegrini avvolti negli shamma di cotone bianco. Pensione completa.

4° Giorno, AXUM: CERIMONIE CONCLUSIVE DEL TIMKAT – ADIGRAT

La mattina presto assisteremo al culmine della celebrazione della festa del Timkat che commemora il battesimo di Gesù da parte del profeta Giovanni. L’acqua del cosiddetto Bagno della Regina di Saba, che è stata benedetta, viene usata per battezzare i fedeli presenti. Pranzo e partenza per Adigrat. La strada attraversa il luogo della celebre battaglia dove l’esercito coloniale italiano subì una memorabile sconfitta. Lungo il percorso sosteremo nei punti maggiormente panoramici e visiteremo a Yeha il Tempio della Luna, uno dei pochi resti precristiani della cultura axumita. Arrivo ad Adigrat e sistemazione in hotel. Pensione completa.

5° Giorno, ADIGRAT

Gli anfratti dell’Amba Gheralta, montagna dalla cima quasi piatta e pareti verticali, nascondono una serie di chiese ipogee di grande valore storico ed architettonico, le cui origini risalirebbero ad un periodo tra il VI e X secolo. Dedicheremo questa giornata alla visita di alcune di queste chiese rupestri con possibilità di effettuare una bella passeggiata naturalistica. Pensione completa.

6° Giorno, ADIGRAT – SABA CANYON: LA STRADA DELLA CAROVANE – ASSO BOLE

Partenza per una regione straordinaria: la Dancalia. La grande depressione della Dancalia segna l’inizio della Great Rift Valley, la più larga, lunga e importante frattura della crosta terrestre. Una ventina di milioni di anni fa qui un fondo marino emerse originando uno sprofondamento che scende, in alcuni punti, di 120 metri sotto il livello del mare. Deserti lavici e aree vulcaniche, piane di sale arse dal sole dove non si ode suono, solo un enorme, vuoto silenzio: 150.000 kmq di territorio divisi fra tre Paesi: Etiopia, Eritrea e Gibuti. Il fiume Awash ha scavato profonde gole nell’altopiano etiopico per scendere nella depressione e morirvi. Questo fiume è la sola fonte di sussistenza per gli Afar, anche noti con il nome di Danakil. Nomadi fieri e indipendenti, allevatori di dromedari e capre, commercianti di sale, gli Afar hanno fatto di questo nulla impressionante il loro spazio esistenziale. La strada scende dagli altipiani fino al villaggio afar di Melabiday, un grande villaggio all’imboccatura del canyon del fiume Saba. È la strada che percorrono le carovane del sale dalla depressione dancala al villaggio, capoluogo del distretto di Berhale. Percorso a piedi (17 km) in leggera discesa tra le rosse pareti di arenaria del canyon del Saba, un piccolo corso d’acqua stagionale che occorrerà attraversare diverse volte (l’acqua arriva appena alla caviglia). Sul fiume lecarovane vanno e vengono o sostano per riposarsi e rifocillare gli animali. Arrivo ad Asso Bole al tramonto e sistemazione al campo. Pensione completa con pranzo al campo.

7° Giorno, ASSO BOLE – AHMED ELA – SCENARI DANTESCHI A DALLOL ED ASSA ALE

Percorriamo una trentina di chilometri fino ad Ahmed Ela, il villaggio delle carovane e dei cavatori di sale. Di qui, attraversando quello che una volta era il fondo di un mare ed ora è una pianura di sale che si estende a perdita d’occhio, raggiungiamo Dallol, la “Collina degli spiriti” per le genti Afar. Qui la terra ribolle, i geyser sono in piena attività, le formazioni di cristalli hanno geometrie bizzarre. Sorgenti sulfuree, coni di sale, camini di fate creano un paesaggio quanto mai suggestivo. Ferite di fuoco emettono pietre roventi, volute di fumo e vapori, ribollii sotterranei generano cascate saline multicolori, disegnano intarsi e ricami di ferro e di zolfo. Percorrendo a piedi un sentiero raggiungiamo una tavolozza di colori sorprendenti. Nel pomeriggio esplorazione della cava del sale e proseguimento per Assa Ale, in lingua dancala “monte rosso”, una specie di isolotto di solfato di magnesio, che emerge dal mare di sale che lo circonda. Siamo 116 metri sotto il livello del mare. Sistemazione al campo. Pensione completa con pranzo al sacco.

8° Giorno, AHMED ELA – IL VULCANO ERTA ALE E IL SUO LAGO DI LAVA

Da Ahmed Ela corriamo su un terreno di sabbia e lava in direzione del vulcano Erta Ale. Qui, affermano gli studiosi, il magma sotterraneo è più vicino alla superficie di qualsiasi altro luogo del pianeta. Al centro della depressione il vulcano Erta Ale si presenta come un lago di lava in continua eruzione. Passando nei pressi di alcuni villaggi afar raggiungeremo il punto di partenza del trekking. Nel pomeriggio, quando il sole diventa più clemente, cominceremo la salita fino alla cima della caldera. Il dislivello è di soli 500 metri ma occorrono circa 3/4 ore a piedi su un sentiero tracciato nella lava, in alcuni tratti disagevole (7 km). Al buio, illuminati dai vivissimi bagliori del vulcano, raggiungiamo il bordo della caldera: lo spettacolo della lava in continuo movimento e del magma che affiora dalle viscere della terra è straordinario e sarà il coronamento di un’ascesa a piedi non lunga ma impegnativa. Dormire in vetta permetterà di esplorare in dettaglio tutta la morfologia del vulcano. Campo sotto le stelle, sulla cima del vulcano. Pensione completa con pranzo al sacco. Il magma nella caldera del vulcano Erta Ale può essere più o meno visibile a seconda dei movimenti all’interno del cratere. Frane o collassamenti interni possono ridurre la spettacolarità del fenomeno, ma non sono chiaramente prevedibili.

9° e 10° Giorno, VULCANO ERTA ALE – LE SALINE DEL LAGO AFRERA – SEMERA

Dopo aver effettuato un’ulteriore esplorazione della zona, iniziamo la discesa verso il campo base per poi proseguire con i fuoristrada in direzione del lago Afrera, un lago salato a piú di 100 metri sotto il livello del mare. Per gli italiani delle colonie questo era il lago Giulietti. Qui l’acqua viene lasciata evaporare nelle saline e quello che ne deriva è un sale bianco, il migliore della regione. Il giorno successivo da Afrera la pista prosegue per la cittadina di Semera. Arrivo e sistemazione in hotel. Pensione completa con pranzo al sacco.

11° Giorno, SEMERA – ADDIS ABEBA – ITALIA

Prima colazione, trasferimento all’aeroporto e partenza con il per Addis Abeba. Arrivo nella capitale etiope, pomeriggio libero per visite individuali o acquisti, con alcune camere a disposizione in hotel (una camera per ogni due persone). Cena in ristorante e trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia.

12° Giorno, ITALIA

Arrivo in Italia al mattino presto.

 

Condizioni individuali di partecipazione
Quota base in camera doppia, Supplemento singola

Base 10/15 partecipanti, con assistenza di un accompagnatore dall’Italia € 3950,00

Base 7/9 partecipanti, con assistenza di guida locale parlante italiano € 3470,00

Base 5/6 partecipanti, con assistenza di guida locale parlante italiano € 3780,00

Supplemento camera singola € 290,00

Assicurazione obbligatoria non inclusa: vedi coperture assicurative

 

La quota base comprende

  • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Ethiopian Airlines da/per Milano o Roma (classe di prenotazione V: vedere paragrafo alla voce Informazioni Generali), i voli interni, 20 kg di franchigia bagaglio
  • Tutti i trasferimenti con vetture fuoristrada (vedi “nota bene” in calce)
  • Sistemazione negli hotel indicati in apertura al tour
  • I pasti dettagliati nel programma (vedi anche “nota bene” in calce)
  • Visite ed e escursioni come da programma
  • Ingressi durante le visite guidate
  • Assistenza di personale locale qualificato e di guida/accompagnatore locale parlante italiano
  • Assistenza di un accompagnatore dall’Italia a partire da 10 partecipanti.

La quota base non comprende

  • Visto di ingresso in Etiopia (50 dollari da pagarsi all’arrivo ad Addis Abeba)
  • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 260 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco
  • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

NOTA BENE

  • Occupazione del fuoristrada con 4 partecipanti: nell’ipotesi di occupazione del fuoristrada con 4 partecipanti, oltre ai passeggeri e all’autista prenderà posto sulla vettura anche la guida che occuperà lo strapuntino posteriore.
  • Durante le escursioni o nel corso dei trasferimenti quando non esistano strutture di ristorazione adeguate, il pranzo è previsto al sacco (box lunch).

Il cambio applicato: 1 USD = 0,8950 EUR

 

 

 

 

Richiedi Informazioni

Per maggiori informazioni su questo pacchetto o per qualsiasi tipo di soluzione personalizzata,
non esitare a contattarci e ti risponderemo subito.

Tel: 0422 541493 Mail: info@fuoriclasseviaggi.it

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Contatti