• Italiano
  • English

Tsarabanjina Madagascar

Un viaggio a Tsarabanjina è un viaggio che entra in pancia (prima ancora che nel cuore…).
Siamo partiti pensando razionalmente a quali repellenti portare con noi ed a quali strategie di nuova generazione utilizzare per rimanere connessi con l’Italia e siamo rientrati disprezzando il “rumore” della radio e cercando inconsolabilmente il cielo stellato che aveva illuminato le nostre notti.
A differenza di altri viaggi, al Constance Tsarabanjina riesci subito, fin dal primo giorno, a rilassarti.
O meglio, ad abbandonarti.
La sensazione è realmente quella di essere a casa, un po’ perché il personale è attento ad ogni esigenza (ancor prima di avere preso atto di un bisogno, c’è già pronto un addetto che, prima di te, l’ha compreso e soddisfatto…), un po’ perché ti rendi presto conto che la vita vera dovrebbe essere quella dell’isola e non quella che conducevi fino a qualche ora prima in Italia.
In quest’isola è concesso tornare bambini: vedere dei pescatori che tornano con delle aragoste ancora vive in mano e chiedere di poterle avere per cena, fare un’uscita in catamarano e chiedere di ritardare il rientro perché il tramonto merita ancora un’ora in mezzo al mare sono solo alcune delle richieste che il Resort di Tsarabanjina non solo esaudisce, ma lo fa con il sorriso di chi capisce che quando te ne andrai a casa non potrai che avere una lacrima sul viso…


Tsarabanjina non è solo questo. E’ colori, profumi, natura e magia. “Colori”, perché il mare è incantevole ed il verde acceso della vegetazione circostante rendono il suo azzurro ancora più intenso e quasi fastidioso per gli occhi non abituati. “Profumi”, perché fin da quando metti i piedi in Madagascar inizi a prendere confidenza con il profumo della cannella, della vaniglia e dello zenzero e al rientro in Italia li ricerchi disperatamente. “Natura”, perché la natura è davvero ovunque: nel fondo del mare chiaramente…ma ovunque possano arrivare vista e udito si coglie con venerazione e rispetto il potente dono della natura.

La voce degli uccelli e l’infrangersi delle onde sulla spiaggia bianca sono una melodia costante che accompagna tutte le giornate, al punto tale che ti senti in dovere di parlare sottovoce. “Magia”, perché il Madagascar è magico. Lo avverti di giorno, quando magari ti viene raccontata una leggenda malgascia, ma lo avverti ancora di più la notte, quando assisti allo schiudersi delle
uova di tartaruga e la natura più autentica si risveglia.
Non ne comprendi la ragione, ma ipotizzi che la spiritualità dei malgasci ed il culto degli antenati abbiano il loro peso o…forse…è solo la purificazione da tutto ciò che è materiale e superfluo che ti
fa percepire la magia di un luogo senza tempo.
Ecco: il Madagascar è un viaggio che non vedi e comprendi appieno, ma è un viaggio che senti.
Profondamente.


Sara

Richiedi Informazioni

Per maggiori informazioni su questo pacchetto o per qualsiasi tipo di soluzione personalizzata,
non esitare a contattarci e ti risponderemo subito.

Tel: 0422 541493 Mail: info@fuoriclasseviaggi.it

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Contatti